mortale e vulnerabile

Perché Dio ha creato tutto questo così deperibile e mortale e vulnerabile e vuole che io lo capisca e urli – perché la terra selvaggia e i corpi nudi e le imperfezioni – tremavo quando il datore di lavoro licenziava, quando mio padre urlava, mia madre sognava – ho cominciato piccola e sono cresciuta e ora sono grande e di nuovo una bambina nuda e solo per piangere e aver paura.

sotterranei
Jack Kerouac
I sotterranei (1958)
trad. it. di Nicoletta Vallorani
Mondadori, 2012