è stato il tipografo

Mentre morivo è un libro scritto da William Faulkner, non so di cosa parla, non l’ho mai letto. Ma mi sono sempre ricordato il titolo, Mentre morivo. Dà l’idea di un uomo, là per terra, che sta morendo perché gli hanno sparato. Oppure che è a letto che dorme, con una malattia incurabile.
Faulkner si chiamava Falkner in origine, è stato il tipografo a sbagliare col suo primo libro, La paga del soldato, ha aggiunto una “u” dove non c’era. Ma lui, William Falkner, non se l’è presa, ha accettato quella “u” in più. Ed è diventato William Faulkner, lo scrittore del Mississippi.
Io, se fa un errore così con me, il tipografo, se vedo che sulla copertina del mio libro c’è scritto, anziché Learco Pignagnoli, Learco Piugnagnuoli, porca madosca, vado a comprare una rivoltella e poi me lo inculo.

Opere
Daniele Benati
Opera n. 86 da Opere complete di Learco Pignagnoli
Aliberti, 2006

quando bevevo

Quando bevevo. Conoscevo un tipo che era proprietario di un bar. Tutte le sere stavo lì da lui fino alle due. A una cert’ora, quando era già tardi, cercavo di scroccargli da bere. Dai, su, offrimi qualcosa. Un bicchiere di whisky. Ma lui niente. Se fossimo a casa tua però me lo offriresti, gli dicevo. Ma io qui sto lavorando. Io stavo zitto dieci minuti, lo guardavo e poi gli dicevo: Se fossimo da te però me l’offriresti. E lui: Certo. Allora aspettavo fino all’ora di chiusura e poi andavo a casa sua.

Opere
Daniele Benati
Opera n. 131 da Opere complete di Learco Pignagnoli
Aliberti, 2006