un uomo come quello

Ah, che cosa si può farne di un uomo come quello? Che c’è da fare? Come si può dissuadere il suo sguardo dal cercare nella folla proprio la guancia butterata dall’acne, le infermità umane, come si può insegnargli a reagire all’inestimabile grandezza della razza umana, alla severa e manifesta bellezza della vita, come si può convincerlo a puntare il dito verso quelle imperiture verità davanti alla quali la paura e l’orrore sono impotenti? Il mare, quel mattino, era iridescente e scuro. Mia moglie e mia sorella stavano nuotando, Diana e Helen, e vidi le loro teste scoperte, color nero e oro, nell’acqua profonda. Le vidi uscire e mi accorsi che erano nude, spavalde, belle e piene di grazia, e rimasi a guardare quelle donne nude che uscivano dal mare.

cheever
John Cheever
Addio fratello mio, in Racconti
trad. it. Marco Papi
Feltrinelli, 2012

Scrivi quel che vuoi, ma con garbo.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...