la rabbia

Anche lui era nella morsa della rabbia e della retorica. Lo capivo nonostante il fascino apparente del suo schieramento politico. Il cancro della violenza stava divorando ogni idea politica, anzi le aveva soppiantate, e per molti contava solo la volontà di fare qualcosa. L’azione porta all’azione, libera da qualsiasi vincolo, e il mezzo per attirare l’attenzione dei giovani e avvicinarli alla propria causa era la rabbia. Sembrava che l’unico modo per evitare il richiamo della violenza fosse non aderire a nessuna causa, rimanere magnificamente isolati da qualsiasi alleanza. Ma non era un errore etico più grave della rabbia stessa?

cittaperta_cole_flaneri
Teju Cole
Città aperta
trad. it. di Gioia Guerzoni
Einaudi, 2013

l’inquieto n° 3

i
È online il terzo numero della rivista L’inquieto.
Dentro, in mezzo a tante cose belle, c’è anche un mio racconto, intitolato Vera.
Era già presente in Baionetta, ma la versione dell’Inquieto è leggermente modificata, e soprattutto può contare sulle illustrazioni di Bernardo Anichini, di cui vedete un esempio qui sopra.
Potete scaricare il pdf della rivista gratis da qui.
Buona lettura.