la tua abnegazione

Io prima o poi spero di conoscerti, indefesso predicatore che da anni – almeno quindici, a quel che ne so, ma secondo me hai cominciato molto prima – da decenni metti in guardia i milanesi dalle tentazioni del maligno, tu che conosci tutti i nomi del diavolo, che lo schernisci e lo insulti sulle banchine e sulle panchine e su ogni carrozza dei mezzi pubblici di Milano, con quella calligrafia sempre uguale a se stessa, e un bagaglio di motteggi che non smette mai di stupirmi…
Spero di conoscerti, prima o poi, perché vedi, io al diavolo non ci credo, ma sono ammirato dalla tua abnegazione.

20140131-185128.jpg

liberarsi dalle abitudini

Una mia posizione filosofica, o almeno un atteggiamento generale: l’essere io appena meno che coerente quasi in ogni cosa, di modo che ogni considerazione generale su di me risulta probabilmente insufficiente. […] È bene acquistare l’abitudine, se vi interessa disciplinare le vostre forze, di liberarsi della abitudini. […] Fumate? Smettete di fumare per qualche anno. Portate la riga a sinistra? Provate a non portarla affatto. […] Ovviamente, non cambiate tutte le vecchie abitudini. Lasciatene qualcuna intatta in eterno; altrimenti sareste coerenti.

John-Barth-LOpera-Galleggiante
John Barth
L’opera galleggiante
trad. it. Henry Furst, Martina Testa
minimum fax, 2003