presagi di bonaccia e di tempesta

Quali affinità speciali gli pareva esistessero tra la luna e la donna? La sua antichità che precede le successive generazioni telluriche e a esse sopravvive; la sua notturna dominanza; la sua satellitare dipendenza; il suo riflesso luminoso; la costanza in ogni sua fase, levarsi e tramontare, crescente e decrescente nei suoi tempi designati; la forzata invariabilità del suo aspetto; la sua risposta indeterminata all’interrogazione non affermativa; il potere sulle acque fluenti e rifluenti; la sua capacità d’invaghire, mortificare, rivestir di bellezza, rendere folli, incitare la malvivenza, coadiuvarla; la calma imperscrutabile del suo volto; il sacro spavento della sua vicinanza solitaria dominante implacabile risplendente; i suoi presagi di bonaccia e tempesta; lo stimolo della sua presenza, delle sue mosse, della sua luminosità; l’avvertenza dei suoi crateri, dei suoi mari inariditi, del suo silenzio; il suo splendore, quando è visibile; la sua attrazione, quando è invisibile.

Ulisse
James Joyce
Ulisse
trad. it. Gianni Celati
Einaudi, 2013

 

“la prima corte distrettuale di grazie”

La prima Corte distrettuale di Grazie era un tribunale dove potevi trascinare le persone se ti sembrava che non ti fossero state abbastanza riconoscenti per quello che avevi fatto per loro. Se il convenuto perdeva la causa, la corte gli dava la possibilità di scegliere tra il ringraziare il querelante in pubblico e l’andare in segragazione cellulare a pane e acqua per un mese. Secondo Trout, l’ottanta per cento dei condannati sceglieva la prigione.

2185083un romanzo di Kilgore Trout citato in
Kurt Vonnegut
Dio la benedica, Mr Rosewater (1965)
trad. it. Vincenzo Mantovani
Feltrinelli, 2005