l’ultima rotazione

cuboAvete presente quel momento in cui tutto sembra essere finalmente al posto giusto, quella rara e miracolosa ultima rotazione del cubo di Rubik della vostra vita dopo la quale potete finalmente riposarvi e rimirare con appagamento la raggiunta perfezione?
No, eh?
Neanche io.

“salute al capo”

Trout non distingueva un politicante dall’altro: ai suoi occhi erano tutti degli indifferenziati scimpanzé entusiasti. Una volta aveva scritto un racconto a proposito di uno scimpanzé ottimista diventato infine presidente degli Stati Uniti. Lo aveva intitolato Salute al Capo.
Lo scimpanzé indossava una giacchetta blu doppio petto coi bottoni d’ottone e il distintivo di presidente degli Stati Uniti sul taschino. […]
Dovunque andasse c’erano bande che suonavano Salute al Capo. Lo scimpanzé lo adorava. Ogni volta saltellava su e giù.

phpThumb_generated_thumbnailjpgun racconto di Kilgore Trout citato in
Kurt Vonnegut
La colazione dei campioni (1973)
Trad. it. di Attilio Velardi
Feltrinelli, 2005

la burla universale

Ci sono certe bizzarre circostanze e occasioni in questa strana e caotica faccenda che chiamiamo la vita, che un uomo prende l’intero universo per un’enorme burla in atto, sebbene non riesca a vederne troppo chiaramente l’arguzia, e sospetti anzichenò che la burla non sia alle spalle di altri che le sue. Tuttavia, nulla c’è che scoraggi e nulla sembra degno di discussione. Egli ingolla tutti gli avvenimenti, tutti i culti, le fedi e le persuasioni, tutte le cose difficili visibili e invisibili, non importa quanto indigeribili, come uno struzzo dallo stomaco robusto inghiotte pallottole e pietre focaie. E quanto alle piccole difficoltà e afflizioni, le prospettive d’improvvisa rovina, di pericolo della vita o del corpo, tutto questo, e persino la morte, gli sembrano ingegnosi e amichevoli colpi, allegre spunzonature nei fianchi, somministrati dall’invisibile e inspiegabile vecchio mattacchione. Questa bizzarra specie di umore capriccioso di cui parlo viene a un uomo soltanto in certe circostanze di estrema tribolazione, viene nel bel mezzo della sua serietà, cosicché ciò che poco prima gli sarebbe potuto apparire una cosa di grandissima importanza, ora gli pare soltanto parte della burla universale.

moby
Herman Melville
Moby Dick
trad. it. di Cesare Pavese
Adelphi, 1987

l’apostolo della polvere

Il pretore (a riposo) Patalocco infatti non poteva ammettere che si spazzasse, ed era l’unico punto su cui a casa sua non transigeva. Non è tanto che gli piacesse la sporcizia, quanto che il suo senso cosmico e profondo della quiete era gravemente turbato da una pratica tanto tumultuosa; che la polvere si sovrapponesse alla polvere non in quanto polvere, ma come segno che tutte le cose andavano per il loro verso era il suo ideale e, a un tempo, la sua idea fissa. Senonché la moglie, approfittando delle sue assenze, riusciva qualche volta a dare una pulita alla casa, il che era fonte piu d’amarezza che di rabbia per il pretore, il quale si sentiva tradito e incompreso, circondato d’inconsapevoli. Ciò appunto conferiva alla sua fisionomia un che di saggio e disilluso nonché, in definitiva, un’alta luce di spirito; apostolo della polvere, il mondo lo disconosceva.

Tommaso Landolfi

La pietra lunare (1939)

Adelphi, 1995

515 ore

Alla moglie viene consigliato un libro sull’adulterio. Fa tre isolati in metropolitana per andare a comprarlo. Il titolo è tremendo e la sola idea di leggerlo la fa sentire in imbarazzo. Così, lo nasconde in giro per la casa con lo stesso fervore con cui si nasconderebbe una pistola o un chilo di eroina. Nel libro, lui viene chiamato il partner traditore e lei il partner tradito. Tra le tante altre cose, ce n’è una in particolare che la fa morire dal ridere. È una nota a piè di pagina su come le diverse culture cercano di ricucire il matrimonio dopo un tradimento.

In America il partner traditore passa una media di 1000 ore a elaborare il fatto con il partner tradito. È il tempo necessario.

Quando lo legge, si sente molto dispiaciuta per suo marito.

Che è solo a 515 ore.

[…]

“Certe volte penso di vendicarmi” confida al marito. Lui sussulta. “E cosa avresti in mente?”.
In Africa legano la coppia di amanti e la danno in pasto ai coccodrilli.

Nell’antica Grecia la punizione era infilare un ravanello nell’ano.


In Francia la donna doveva inseguire una gallina per strada tutta nuda.

sembrava
Jenny Offill

Sembrava una felicità

trad. it di Francesca Novajra
NN Editore, 2015

Un’ora con…Michele Orti Manara di Nepente

micheleorti:

C’è Manuela che ha avuto la balzana idea idea di intervistarmi. Ho detto cose sensate, ho detto stupidaggini, chissà? Comunque, trovate l’intervista qui. Buona lettura.

Originally posted on Impressions chosen from another time:

MOM

Nepente

  1. s. m.
    a. Nome dato dagli antichi Greci a una prodigiosa bevanda, estratta da un’erba proveniente dall’Egitto, cui si attribuiva la virtù di lenire il dolore e dare l’oblìo dei mali.
    b. In senso estens. e fig., qualsiasi bevanda o altro rimedio, anche affettivo o spirituale, che dia sollievo alle pene.
  2. s. f. In botanica, genere di piante (lat. scient. Nepenthes) della famiglia nepentacee, che comprende una settantina di specie paleotropicali in grado di catturare e digerire insetti.

Questo è l’incipit della pagina in cui Michele Orti Manara, il blogger che oggi coraggiosamente va a rimpolpare le esigue quote blu di Un’ora con (le altre puntate blu qui, qui e qui), spiega il perché del suo blog, e a me fa sorridere ogni volta che la leggo. Che lo si voglia vedere come pianta carnivora o panacea delle pene dell’anima, l’aggettivo a cui collego il blog…

View original 526 altre parole

ascolta le loro parole

«Le tue parole, lo riconosco, sono state gentili. Temo, però, che tu non abbia pensato abbastanza bene a quello che dicevi. E meno ancora a quello che dicevo io. Ascolta sempre con attenzione le parole che dicono le donne mentre te le scopi, Max. Se non parlano, bene, allora non hai niente da ascoltare e probabilmente non avrai niente a cui pensare, ma se parlano, anche se è solo un mormorio, ascolta le loro parole e pensaci, pensa al significato, pensa a quello che dicono e a quello che non dicono, cerca di capire cos’è che in realtà vogliono dire. Le donne sono puttane assassine, Max, sono scimmie intirizzite dal freddo che contemplano l’orizzonte da un albero malato, sono principesse che ti cercano nel buio, piangendo, indagando le parole che non potranno mai dire. Viviamo nell’equivoco e pianifichiamo i nostri cicli di vita. Per i tuoi amici, Max, in quello stadio che ora si comprime nei tuoi ricordi come simbolo dell’incubo, io ero solo una strana troietta, uno stadio dentro lo stadio, dove alcuni arrivano dopo aver ballato una conga con la maglietta avvolta intorno alla vita o al collo. Per te ero una principessa sulla Gran Avenida frammentata adesso dal vento e dalla paura (tanto che adesso nella tua testa il viale è il tunnel del tempo), un trofeo privato dopo una notte magica collettiva. Per la polizia sarò una pagina in bianco. Nessuno capirà mai le mie parole d’amore. Tu, Max, ricordi qualcosa di quello che ti ho detto mentre me lo mettevi dentro?»
(Il tipo annuisce, il cenno è chiaramente affermativo, i suoi occhi umidi dicono di sì, le sue spalle tese, il suo ventre, le sue gambe che non smettono di muoversi quando lei non guarda, cercando di slegarsi, la giugulare che palpita).
«Ricordi che ho detto il vento? Ricordi che ho detto le strade sotterranee? Ricordi che ho detto tu sei la fotografia? No, in realtà non te lo ricordi. Bevevi troppo ed eri troppo preso dalle mie tette e dal mio culo. Non hai capito nulla, altrimenti saresti scappato di corsa alla prima occasione. Ora ti piacerebbe, vero, Max?»

puttane
Roberto Bolaño
Puttane assassine, in Puttane assassine
trad. it. di Ilide Carmignani
Adelphi, 2015

non te la tirare

Quando ero un diciottenne dai capelli lunghi dicevano che somigliavo a Grignani.
A me pareva di no, ma poi uno mi ha fermato per strada e mi ha detto Gianluca, mi fai l’autografo?
Non sono Gianluca, gli ho detto io.
Dài Gianluca, non te la tirare, ha detto lui.
Gli ho dovuto mostrare la carta di identità, se n’è andato.
E immagino che poi abbia raccontato a qualcuno: Ho incontrato Gianluca, uno stronzo, guarda… Pensa che gira con un documento falso per tener lontani i fan, uno stronzo ingrato, guarda…

la morte del principe di bel air

Fa molto caldo e io son ossessionato da quella strana teoria secondo cui la storia di Willy il principe di Bel Air si svolgerebbe tutta nell’aldilà.
Eh sì, dice la teoria, perché gli energumeni della sigla hanno ucciso il nostro Willy, e il taxista che lo porta a Bel Air – ovvero, in paradiso – è in realtà Dio.
Lo so, lo so, pare una gran minchiata. Almeno finché non realizzi che da Philadelphia a Bel Air ci sono 2700 miglia, e farle in taxi non avrebbe alcun senso logico, oltre che un costo spaventoso.
Che caldo che fa.

Update: mi fanno notare che giustamente Willy a Bel Air ci va in aereo, non in taxi, quindi la teoria – almeno la parte del taxi – è una fuffa. Che caldo che fa.

mappa